Archivi tag: mondialdurose

L’Arena

3 Settembre 2011 | Quotidiano

L'Arena 3sett2011


L’Adige

10 giugno 2011 | Quotidiano

L'Adige 10giu2011


L’Arena

31 maggio 2011 | Quotidiano

L'Arena 31maggio2011


Euposia

Maggio 2011 | Rivista online

È il Chiaretto il rosato italiano più premiato al Mondial du Rosé organizzato a Cannes dagli enologi francesi

L’Italia si è classificata terza al Mondial du Rosé, il “campionato mondiale” dei vini rosati organizzato a Cannes, in Costa Azzurra, dall’Unione degli enologi di Francia. Sul gradino più alto del podio si è piazzata la Francia, che del resto giocava in casa, con ben 208 medaglie totali (oro, argento e bronzo). Al secondo posto la Spagna, con 23 medaglie. Terza l’Italia con 14 medaglie, e di queste ben 7 provengono dal lago di Garda, con il Chiaretto gardesano che si conferma dunque leader nazionale nel settore dei vini in rosa. Sono ben 6 le medaglie attribuite al Bardolino Chiaretto, sia nella versione ferma che in quella spumantizzata, e un’altra medaglia è andata ad un Chiaretto della riva bresciana del Garda. Il Cerasuolo d’Abruzzo ha fatto proprie 4 medaglie, mentre altre 2 sono andate a dei rosati pugliesi ed una ad un rosé del Veneto orientale.

Più in dettaglio, la pattuglia medagliata del Bardolino Chiaretto vede due argenti per il Chiaretto Classico e per il Chiaretto Spumante all’azienda Benazzoli di Pastrengo, guidata da due giovanissime produttrici, Claudia e Giulia Benazzoli, appena mezzo secolo in due. Due argenti anche all’azienda dei Fratelli Zeni, di Bardolino, con il Chiaretto Classico e con la selezione Vigne Alte del Chiaretto della cantina bardolinese guidata da Fausto, Elena e Federica Zeni. Argenti anche alla Cantina di Castelnuovo del Garda con il Chiaretto Classico e all’azienda Sartori di Negrar con il Bardolino Chiaretto Campo dei Benaco. Tutte e quattro le aziende del Bardolino erano già state premiate con medaglie di metalli pregiati nell’edizione dello scorso anno del Mondial, e dunque si tratta di importanti conferme.
Giunto all’ottava edizione, il Mondial du Rosé è il più prestigioso evento internazionale dedicato al settore dei vini in rosa. I vini in concorso sono stati quasi un migliaio, provenienti da una ventina di Paesi diversi. Una cinquantina i degustatori nel panel d’assaggio.
“Il Mondial du Rosé – commenta il presidente del Consorzio di tutela del Bardolino, Giorgio Tommasi – ha confermato l’elevato standard qualitativo raggiunto dal Chiaretto del nostro lago di Garda, collocandoci di fatto alla guida del movimento dei rosati italiani di qualità, il che ovviamente è motivo di grande soddisfazione. Il Bardolino Chiaretto sta conoscendo del resto successi sempre crescenti sia da parte del pubblico che da parte della critica. Lo scorso anno abbiamo collocato sul mercato quasi 11 milioni di bottiglie ed i dati della prima parte del 2011 confermano il trend positivo del Chiaretto. Il Chiaretto Spumante, pur rappresentando ancora una quota piuttosto piccola nel contesto della denominazione del Bardolino, con le sue 300 mila bottiglie del 2010, sta interessando un numero sempre maggiore di produttori, saliti ad oltre venti, mentre erano soltanto quattro appena un quinquennio fa”.

Articolo completo


Turismo del Gusto

Maggio 2011 | Testata online

L’Italia si è classificata terza al Mondial du Rosé, il “campionato mondiale” dei vini rosati organizzato a Cannes, in Costa Azzurra, dall’Unione degli enologi di Francia. Sul gradino più alto del podio si è piazzata la Francia, che del resto giocava in casa, con ben 208 medaglie totali (oro, argento e bronzo). Al secondo posto la Spagna, con 23 medaglie. Terza l’Italia con 14 medaglie, e di queste ben 7 provengono dal lago di Garda, con il Chiaretto gardesano che si conferma dunque leader nazionale nel settore dei vini in rosa. Sono ben 6 le medaglie attribuite al Bardolino Chiaretto, sia nella versione ferma che in quella spumantizzata, e un’altra medaglia è andata ad un Chiaretto della riva bresciana del Garda. Il Cerasuolo d’Abruzzo ha fatto proprie 4 medaglie, mentre altre 2 sono andate a dei rosati pugliesi ed una ad un rosé del Veneto orientale.
Più in dettaglio, la pattuglia medagliata del Bardolino Chiaretto vededue argenti per il Chiaretto Classico e per il Chiaretto Spumante all’azienda Benazzoli di Pastrengo, guidata da due giovanissime produttrici, Claudia e Giulia Benazzoli, appena mezzo secolo in due.Due argenti anche all’azienda dei Fratelli Zeni, di Bardolino, con il Chiaretto Classico e con la selezione Vigne Alte del Chiaretto della cantina bardolinese guidata da Fausto, Elena e Federica Zeni. Argenti anche alla Cantina di Castelnuovo del Garda con il Chiaretto Classico e all’azienda Sartori di Negrar con il Bardolino Chiaretto Campo dei Benaco. Tutte e quattro le aziende del Bardolino erano già state premiate con medaglie di metalli pregiati nell’edizione dello scorso anno del Mondial, e dunque si tratta di importanti conferme.
Giunto all’ottava edizione, il Mondial du Rosé è il più prestigioso evento internazionale dedicato al settore dei vini in rosa. I vini in concorso sono stati quasi un migliaio, provenienti da una ventina di Paesi diversi. Una cinquantina i degustatori nel panel d’assaggio.
“Il Mondial du Rosé – commenta il presidente del Consorzio di tutela del Bardolino, Giorgio Tommasi – ha confermato l’elevato standard qualitativo raggiunto dal Chiaretto del nostro lago di Garda, collocandoci di fatto alla guida del movimento dei rosati italiani di qualità, il che ovviamente è motivo di grande soddisfazione. Il Bardolino Chiaretto sta conoscendo del resto successi sempre crescenti sia da parte del pubblico che da parte della critica. Lo scorso anno abbiamo collocato sul mercato quasi 11 milioni di bottiglie ed i dati della prima parte del 2011 confermano il trend positivo del Chiaretto. Il Chiaretto Spumante, pur rappresentando ancora una quota piuttosto piccola nel contesto della denominazione del Bardolino, con le sue 300 mila bottiglie del 2010, sta interessando un numero sempre maggiore di produttori, saliti ad oltre venti, mentre erano soltanto quattro appena un quinquennio fa”.

Articolo completo


Catering News

Maggio 2011 | Rivista online

Al Mondial du Rosé, il “campionato mondiale” dei vini rosati organizzato a Cannes, in Costa Azzurra, dall’Unione degli enologi di Francia, è arrivata prima proprio la nazione ospite, che giocava in casa, con 208 medaglie totali tra oro, argento e bronzo. Seconda Spagna con 23 medaglie e terza l’Italia con 14 medaglie, delle quali 7 provenienti dal lago di Garda, con il Chiaretto gardesano che si conferma leader nazionale nel settore dei vini rosé. Quattro medaglie – tre le quali l’unica medaglia d’oro italiana – è andata al Terra d’Aligi Doc Cerasuolo d’Abruzzo 2010 dell’Azienda agricola Terra d’Aligi di Atessa, in provincia di Chieti, mentre il Chiaretto è stato premiato sia nella versione ferma che in quella spumantizzata. Un’altra medaglia è andata ad un Chiaretto della riva bresciana del Garda, 2 sono andate al Pinot Rosato Puglia 2010 ed una ad un rosé del Veneto orientale.
Ottime le performance del Bardolino Chiaretto che per il Chiaretto Classico e per il Chiaretto Spumante vede premiate le aziende Benazzoli di Pastrengo, guidata da due giovanissime produttrici, Claudia e Giulia Benazzoli, appena mezzo secolo in due, oltre all’azienda dei Fratelli Zeni, di Bardolino, con il Chiaretto Classico e con la selezione Vigne Alte del Chiaretto della cantina bardolinese guidata da Fausto, Elena e Federica Zeni, la Cantina di Castelnuovo del Garda con il Chiaretto Classico e l’azienda Sartori di Negrar con il Bardolino Chiaretto Campo dei Benaco. Tutte e quattro le aziende del Bardolino erano già state premiate con medaglie di metalli pregiati nell’edizione dello scorso anno del Mondial, e dunque si tratta di importanti conferme.
Nel suo complesso l’Italia porta a casa 4 medaglie in meno rispetto alla precedente edizione facendosi superare dalla Spagna con con 6 medaglie d’oro e 17 d’argento.
“Il Mondial du Rosé – commenta il presidente del Consorzio di tutela del Bardolino, Giorgio Tommasi – ha confermato l’elevato standard qualitativo raggiunto dal Chiaretto del nostro lago di Garda, collocandoci di fatto alla guida del movimento dei rosati italiani di qualità, il che ovviamente è motivo di grande soddisfazione. Il Bardolino Chiaretto sta conoscendo del resto successi sempre crescenti sia da parte del pubblico che da parte della critica. Lo scorso anno abbiamo collocato sul mercato quasi 11 milioni di bottiglie ed i dati della prima parte del 2011 confermano il trend positivo del Chiaretto. Il Chiaretto Spumante, pur rappresentando ancora una quota piuttosto piccola nel contesto della denominazione del Bardolino, con le sue 300 mila bottiglie del 2010, sta interessando un numero sempre maggiore di produttori, saliti ad oltre venti, mentre erano soltanto quattro appena un quinquennio fa”.

Articolo completo


Sommelier.it

Maggio 2011 | Rivista online

Dal Concorso Mondial du Rosé che si recentemente svolto in Costa Azzurra a Cannes, per l’organizzazione dell’Unione degli enologi di Francia, è arrivata la notizia che i rosati gardesani hanno ottenuto ampi riconoscimenti, ottenendo sei medaglie con il Bardolino Chiaretto e una con un Chiaretto della sponda bresciana.
In questo concorso l’Italia con undici rosati premiati si è classificata al terzo posto dopo Francia (208 medaglie, tra oro, argento e bronzo) e Spagna (23 medaglie) e il mondo del vino gardesano ha dato un notevole contributo a questo riconoscimento.
Secondo la graduatoria del Mondial du Rosé (che ha visto alla prova degustatori di 15 nazionalità) il Chiaretto gardesano si conferma dunque leader nazionale nel settore dei vini in rosa. Sono ben 6 le medaglie attribuite al Bardolino Chiaretto, sia nella versione ferma che in quella spumantizzata.
Quanto agli altri rosati italiani, il Cerasuolo d’Abruzzo ha fatto proprie 4 medaglie, mentre altre 2 sono andate a rosati pugliesi ed una ad un rosé del Veneto orientale. Più in dettaglio, la pattuglia medagliata del Bardolino Chiaretto vede due medaglie d’argento per il Chiaretto Classico e per il Chiaretto Spumante all’azienda Benazzoli di Pastrengo. Due argenti anche all’azienda dei Fratelli Zeni, di Bardolino, con il Chiaretto Classico e con la selezione Vigne Alte del Chiaretto della cantina bardolinese guidata da Fausto, Elena e Federica Zeni. Argento anche alla Cantina di Castelnuovo del Garda con il Chiaretto Classico e all’azienda Sartori di Negrar con il Bardolino Chiaretto Campo dei Benaco.
Tutte e quattro le aziende del Bardolino erano già state premiate con medaglie di metalli pregiati nell’edizione dello scorso anno del Mondial, e dunque si tratta di importanti conferme.
Molto soddisfatto dei risultati del Mondial du Rosé il presidente del Consorzio di tutela del Bardolino, Giorgio Tommasi, secondo il quale  il Concorso “ha confermato l’elevato standard qualitativo raggiunto dal Chiaretto del nostro lago di Garda, collocandoci di fatto alla guida del movimento dei rosati italiani di qualità, il che ovviamente è motivo di grande soddisfazione. Il Bardolino Chiaretto sta conoscendo del resto successi sempre crescenti sia da parte del pubblico che da parte della critica. Lo scorso anno abbiamo collocato sul mercato quasi 11 milioni di bottiglie ed i dati della prima parte del 2011 confermano il trend positivo del Chiaretto. Il Chiaretto Spumante, pur rappresentando ancora una quota piuttosto piccola nel contesto della denominazione del Bardolino, con le sue 300 mila bottiglie del 2010, sta interessando un numero sempre maggiore di produttori, saliti ad oltre venti, mentre erano soltanto quattro appena un quinquennio fa”.